Da questo blog mi faccio eco di un’iniziativa promossa dalla Fondazione CitizenGO, dopo che lo scorso 13 febbraio il parlamento belga ha approvato una legge sull’eutanasia infantile. Ora spetta al re Filippo firmare questa legge.

Secondo la prassi, il re ha la possibilità di rifiutarsi di firmare, anche se si tratta di una possibilità molto remota e che produrrebbe accesi dibattiti. Ciò nonostante, il re Filippo (come suo zio Baldovino, che nel 1990 si rifiutò di firmare la legge che liberalizzava l’aborto) ha la possibilità di agire coraggiosamente in nome della pari dignità di ogni singolo essere umano.

Le firme raccolte in tutto il mondo verranno messe a disposizione di alcune persone vicine al sovrano belga, che gliele sottoporranno con la richiesta di non firmare.

Condivido l’iniziativa e le motivazioni, per cui voglio offrire anche da qui a chi non la conosce la possibilità di aderirvi; basta entrare qui e seguire le indicazioni.