El otro somos nosotros

Aden ce l’ha fatta

Per raggiungere il campo profughi di Dadaab il piccolo Aden aveva affrontato un viaggio lungo e doloroso: accompagnato dai suoi genitori e dai fratelli, ha attraversato la Somalia a piedi camminando per 25 giorni. Durante il viaggio la mamma di Aden è morta.
“Quando è arrivato al centro nutrizionale, Aden era molto disidratato, aveva crisi di vomito, diarrea e tosse”. Racconta Timothy Wachira, infermiere.
Adel è stato curato con antibiotici, latte terapeutico e cibo: aiuti umanitari forniti dall’UNICEF per far fronte alla terribile carestia che ha colpito il Corno d’Africa.
In tutto questo tempo il suo papà è rimasto al suo fianco giorno e notte.
Dopo un mese di trattamento, Aden sta bene. Oggi corre, cammina, ed ha voglia di giocare.
La sua famiglia si è sistemata in una tenda per rifugiati nel campo di Dadaab, insieme ad altri migliaia di profughi somali.
La vita è ancora molto difficile, ma Aden è vivo.

(pubblicato su www.unicef.it il 13.10.2011)

Related Posts

One thought on “Aden ce l’ha fatta

  1. Ciao Anna,

    ti sono unito…spero di conoscerti personalmente. Ciao Enzo Puccetti

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.